Crea sito

Review Party – Ragazzi della tempesta di Elle Cosimano

Review Party – Ragazzi della tempesta di Elle Cosimano

Review Party - Ragazzi della tempesta di Elle Cosimano

Ciao Books Lovers,

oggi pubblico questa recensione un po’ più in ritardo del solito. Il protagonista di oggi è Ragazzi della tempesta, un fantasy young adult scritto da Elle Cosimano uscito il 22 ottobre, martedì scorso, per Rizzoli. Ciò che mi ha attirato di più di questo libro è stata la cover più della trama stessa. Trama che comunque è super interessante perché io personalmente non ho mai letto un libro del genere i cui protagonisti sono le stagioni stesse, persone che sono state scelte per svolgere questo compito in parti del mondo differenti.

Voi avete mai pensato alle stagioni come persone, ragazzi, con questo compito? Eppure questa storia è molto realistica per quanto realistica possa diventare per il semplice fatto che le stagioni si uccidono a vicenda, l’estate uccide la primavera, la primavera uccide l’inverno e così via, e più tempo questi riescono a rimanere in vita più risalgono in classifica e più hanno possibilità di continuare ad esistere.

Ed è un po’ ciò che succcede nel mondo con le vere stagioni no? Ogni anno le stagioni hanno durata differente. Ad esempio l’autunno è entrato ufficialmente da un mese ormai, ma ancora le foglie dagli alberi non sono nemmeno cadute e il freddo sta iniziando ad arrivare solo in questi giorni.

I protagonisti di Ragazzi della tempesta sono Jack, Fleur, Julio e Amber, rispettivamente Inverno, Primavera, Estate e Autunno. Sono stati scelti a rappresentare le stagioni, per salvarsi dalla morte a cui stavano andando in contro, da Gaia e Cronos. E hanno vissuto moltissimi anni senza problemi. Il libro inizia proprio facendoci vedere come Jack è divenuto un inverno.

Ma le regole stanno strette a tutti, soprattutto a Jack che con gli anni si è innamorato di Fleur e Julio di Amber, ma è proibito. Toccare un altra stagione è proibita, per ragioni che nessuno ancora sa. Ma Fleur è in pericolo perché il suo punteggio è sceso troppo e l’unica cosa a cui Jack riesce a pensare, anche dopo la sua promozione, è di trovare una soluzione per salvare lei, e salvare tutti loro.

Convince così anche gli altri a seguirlo in questa avventura che potrebbe far uccidere tutti loro, eppure lo seguono, ma quasi da subito le cose iniziano a mettersi male. I loro supervisori non sono come loro, e una volta in contatto con il mondo esterno iniziano ad ammalarsi. E i pericoli sono sempre lì perché le guardie di Cronos li inseguono senza fermarsi.

Io non pensavo sarebbe successo così tanto in 500 pagine eppure è così. I ragazzi cercano di fuggire senza riuscire mai a seminare i loro inseguitori, e quando invece pensano di essere al sicuro scoprono che una persona che loro pensavano li stesse aiutando invece li ha ingannati sin dall’inizio.

Arriverete alla fine col fiato sospeso perché la scrittura vi trascina con sè, alternando i POV tra Jack e Fleur. Io nelle ultime 50 pagine non sapevo più cosa aspettarmi. Ragazzi della tempesta è stata una bellissima avventura. Non so quanti libri ci saranno ancora in questa saga, ma il secondo è già stato annunciato e c’è già stata la cover reveal in tema con la prima e io non vedo l’ora. Ve lo consiglio vivamente. Non gli do’ 5 stelle ma 4.5 di sicuro sì!

Review Party - Ragazzi della tempesta di Elle Cosimano

Review Party - Ragazzi della tempesta di Elle Cosimano

 

 

 

Review Party - Ragazzi della tempesta di Elle Cosimano

Pubblicato da meandbooks

Mi chiamo Miriam e sono l'amministratore di Me and Books. Ho tante passioni, ma le più grandi sono la lettura e la scrittura, ed ho creato questo blog proprio per poter condividere le mie passioni. Penso che recensire un libro sia una cosa molto importante che richiede tempo e dedizione. A volte un lettore prima di scegliere un libro vuole sapere che quello che sta scegliendo è quello giusto, e le recensioni servono proprio per questo, per aiutare il lettore a scegliere. Ma questo è anche un modo per aiutare autore e case editrici a farsi conoscere. È anche per questo che pubblico gli articoli sia in italiano che in inglese, per non lasciare nessuno fuori. Vi chiedo di non esitare a pormi qualsiasi domanda sul mondo dell'editoria, spero solo di riuscire a fornire la risposta perfetta.